Magazine

Immissione in ruolo docenti: precedenza ex lege 104/92 e cattedre orario esterne (COE)

Immissione in ruolo docenti: precedenza ex lege 104/92 e cattedre orario esterne (COE)

Pubblico impiego 20 Luglio 2021 StudioLegale
Con ordinanza del 30.06.2021, il Tribunale di Termini Imerese, sezione lavoro, adito con ricorso ex art. 700 c.p.c. da una docente neo immessa in ruolo, alla quale era stato di fatto negato il diritto di precedenza ex lege n. 104/92 (quale referente unico di soggetto disabile) in fase di assegnazione della sede di servizio, non avendo la stessa indicato tra
Determinazione della competenza in ipotesi di mancata costituzione del rapporto di lavoro

Determinazione della competenza in ipotesi di mancata costituzione del rapporto di lavoro

Pubblico impiego 20 Luglio 2021 StudioLegale
Con ordinanza del 19.07.2021, il Tribunale di Trapani, in funzione di Giudice del lavoro, sul solco dell’insegnamento della Suprema Corte (Cass sez VI Ord. 25.05.2015, n. 10697), ha declinato la propria competenza nell’ambito di una controversia relativa alla mancata immissione in ruolo del personale docente. Aderendo all'eccezione sollevata dalla docente controinteressata - assistita dallo Studio legale - il Tribunale ha
SUPPLENZE SCUOLA SECONDARIA: spetta solo al docente di ruolo la scelta di accettare o meno l’incarico

SUPPLENZE SCUOLA SECONDARIA: spetta solo al docente di ruolo la scelta di accettare o meno l’incarico

Pubblico impiego 06 Maggio 2021 StudioLegale
Con sentenza n. 440/2021 pubblicata il 04.05.2021, la Corte di Appello di Palermo, sez. lavoro, ha affermato che sussiste un interesse ad agire concreto e attuale nel caso di docente di ruolo della scuola secondaria di I grado che chieda l’accertamento del diritto alla supplenza nella scuola di II grado, in quanto funzionale, non tanto al miglioramento economico, quanto alla
Nomina Direttore UOC: la giurisdizione spetta al giudice ordinario

Nomina Direttore UOC: la giurisdizione spetta al giudice ordinario

Pubblico impiego 03 Marzo 2021 StudioLegale
La nomina del Direttore di Struttura Complessa, anche a seguito della disciplina di cui al D.L. n. 158/2012 (c.d. Decreto Balduzzi), è atto di natura privatistica a carattere fiduciario. Il carattere prevalente di tale elemento, ancorché espresso all’esito di una procedura selettiva, fonda la devoluzione della relativa controversia alla giurisdizione del giudice ordinario, quale giudice del lavoro, dovendosi evitare una
MOBILITA’ SCUOLA: Diritto al trasferimento interprovinciale del docente referente unico del parente disabile – illegittimo accantonamento del 50% dei posti per le immissioni in ruolo

MOBILITA’ SCUOLA: Diritto al trasferimento interprovinciale del docente referente unico del parente disabile – illegittimo accantonamento del 50% dei posti per le immissioni in ruolo

Pubblico impiego 01 Marzo 2021 StudioLegale
Il Tribunale di Palermo, sezione lavoro, con sentenza n. 731/2021 del 23/02/2021, è nuovamente intervenuto in materia di mobilità “interprovinciale” del personale scolastico, statuendo il diritto di precedenza ex L. 104/1992 del docente che assiste il genitore o l’avo disabile in situazione di gravità, precedenza illegittimamente esclusa dall’art. 13 del CCNI sulla mobilità, che si pone, pertanto, in violazione dell’art.
Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte IV)

Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte IV)

Diritto del lavoro e dell'impresa 24 Giugno 2020 StudioLegale
Anche nella c.d. “fase due” prosegue l’attività dello Studio BCM di illustrare la normativa emergenziale più rilevante in tema di rapporti di lavoro, da ultimo contenuta nel Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. decreto rilancio). *** Dopo aver parlato di ammortizzatori sociali, indennità e congedi, concludiamo con gli ulteriori istituti rilevanti in materia di rapporti di lavoro. Il nuovo decreto ha parzialmente innovato le misure già previste nel c.d.
Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte III)

Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte III)

Diritto del lavoro e dell'impresa 15 Giugno 2020 StudioLegale
Anche nella c.d. “fase due” prosegue l’attività dello Studio BCM di illustrare la normativa emergenziale più rilevante in tema di rapporti di lavoro, da ultimo contenuta nel Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. decreto rilancio). *** Dopo aver parlato di ammortizzatori sociali e di indennità, ci soffermiamo sui congedi e permessi previsti per i lavoratori. Il decreto, in sostanza, modifica il precedente quadro normativo estendendo le misure già previste nel c.d.
Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte II)

Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte II)

Diritto del lavoro e dell'impresa 05 Giugno 2020 StudioLegale
Anche nella c.d. “fase due” prosegue l’attività dello Studio BCM di illustrare la normativa emergenziale più rilevante in tema di rapporti di lavoro, da ultimo contenuta nel Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. decreto rilancio). *** Dopo aver parlato di ammortizzatori sociali, ci occupiamo oggi di misure economiche a sostegno dei lavoratori. L’art. 84 individua delle “nuove” indennità per i lavoratori danneggiati dall’emergenza epidemiologica, estendendo le precedenti misure previste per il
Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte I)

Decreto “rilancio”: schede di sintesi (parte I)

Diritto del lavoro e dell'impresa 29 Maggio 2020 StudioLegale
Anche nella c.d. "fase due" prosegue l'attività dello Studio BCM di illustrare la normativa emergenziale più rilevante in tema di rapporti di lavoro, da ultimo contenuta nel Decreto legge 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. decreto rilancio). *** Come di consueto, cominciamo con il tema degli ammortizzatori sociali. Il nuovo decreto ha apportato delle rilevanti modifiche alla precedente disciplina. Ed infatti, l'art. 68 ha
Brevi considerazioni sul lavoro agile nella c.d. “fase due”

Brevi considerazioni sul lavoro agile nella c.d. “fase due”

Diritto del lavoro e dell'impresa 08 Maggio 2020 StudioLegale
Nell’ambito della c.d. normativa emergenziale, il lavoro agile, pur non essendo espressamente previsto come misura obbligatoria, sembra costituire la modalità di svolgimento della prestazione lavorativa verso cui si orienta il “favor” del legislatore e delle parti sociali firmatarie dei Protocolli condivisi. In dettaglio, il Protocollo sindacale del 24/4/2020 recepito (e, secondo parte della dottrina, “legificato”) dal DPCM del 26/4/2020, prevede espressamente sub art. 8 quanto